Ricerca

L'obiettivo della nostra ricerca si basa su uno degli antichi insegnamenti di Ippocrate “Fa che il cibo sia la tua medicina e che la tua medicina sia il cibo” e su due moderne osservazioni.
 
1. Un numero sempre maggiore di persone non riesce più ad alimentarsi con il grano moderno come ingrediente base nella propria dieta, a causa di diverse tipologie di intolleranze causate proprio dal consumo del  grano. 
2. Sin da quando abbiamo introdotto per la prima volta il nostro grano nel mercato, molti consumatori ci hanno detto che i problemi che insorgevano consumando grano moderno, non li riscontravano mangiando prodotti fatti con l'antico grano khorasan a marchio KAMUT®
 
Non crediamo di dover curare i sintomi di una scarsa e mal gestita salute creati o aggravati talvolta dal consumo di grano moderno. Preferiamo far attenzione direttamente al nostro cibo, non solo come causa, ma anche come cura potenziale per alcune delle patologie e delle problematiche digestive che affliggono la società moderna.
 
Abbiamo creato un programma di ricerca per capire perché la maggior parte delle persone che riscontrano problemi nel mangiare grano moderno, non ha problemi nel mangiare grano antico, e per confermare i benefici salutari del grano khorasan a marchio KAMUT®.
 
 
VALUTAZIONE DELLA REATTIVITÀ ALLERGICA AL GRANO KHORASAN KAMUT® RISPETTO AL GRANO MODERNO
(International Food Allergy Association, Illinois, USA, 1991)
Questo studio clinico è stato condotto per un periodo di oltre sei mesi coinvolgendo 100 persone che avevano una significativa sensibilità verso il grano. Circa il 70% ha manifestato una reazione più lieve con il grano a marchio KAMUT®, rispetto al grano moderno. A un sottoinsieme di dieci persone su 100 che avevano problemi significativi con il grano moderno è stato chiesto di seguire una dieta a base di prodotti di grano khorasan a marchio KAMUT®. Di nuovo, sette persone su 10 non hanno manifestato reazioni allergiche, se non molto blande. I risultati di questi studi hanno portato l'autrice a concludere che “I prodotti KAMUT® possono essere un eccellente sostituto al grano comune (moderno), se consumato su base rotazionale”. 
 
INDICE GLICEMICO (IG)
Tra il 2002 e il 2007 abbiamo studiato l'indice glicemico (IG) su vari prodotti finiti di grano khorasan KAMUT®, negli Stati Uniti, in Canada e in Italia. L'indice glicemico dà un’indicazione di quanto velocemente, rispetto l’assunzione del 100% di glucosio, i carboidrati di un alimento vengono scissi in glucosio ed entrano nel circolo sanguigno. 
Abbiamo notato che i risultati dei diversi prodotti di grano a marchio KAMUT® testati erano un po' troppo eterogenei. In un caso limite, abbiamo rilevato un IG decisamente basso (43): nel grano macinato grossolanamente per essere cotto e mangiato come cereale caldo a colazione. Il livello più alto di IG lo abbiamo trovato nel grano soffiato (83). Le varie tipologie testate di pane (da 57 a 68), pasta (da 61 a 71), e cereali (da 62 a 70), rientravano per lo più in un intervallo medio. Questa eterogeneità dei risultati può essere dovuta più alla grandezza delle particelle della farina usata per fare questi prodotti che alla composizione biochimica del prodotto finale. Un recente studio pubblicato in Australia ha confermato questa ipotesi.
 
 STUDI SULLA DIGERIBILITÀ
Molti dei nostri clienti riferivano che i prodotti a marchio KAMUT® erano più facili da digerire, perciò abbiamo deciso di studiare il processo digestivo. Abbiamo intrapreso uno studio sotto la direzione dell'Institute of Food Research di Norwich, in Inghilterra, utilizzando il loro stomaco artificiale. Abbiamo confrontato due tipi di pasta: una di grano duro moderno e l'altra di grano antico khorasan a marchio KAMUT®, per verificare differenze rilevanti durante il processo digestivo. I risultati sono stati inconcludenti poiché non si è osservata alcuna differenza significativa nell’analisi dei prodotti di digestione utilizzati in questo test.
 
Sulla base dei risultati di questi primi studi sulla sensibilità al grano, sull’indice glicemico e sulla digeribilità e sulla base delle numerose testimonianze dei consumatori, abbiamo sviluppato il nostro attuale programma di ricerca.  
 
 
Nel 2009 sono stati pubblicati gli esiti di uno studio sul profilo fenolico del grano khorasan KAMUT® (leggi l’abstract).
I polifenoli sono metaboliti secondari della pianta caratterizzati da elevate proprietà antiossidanti e anti-infiammatorie e con un ruolo importante nella prevenzione delle malattie cronico-degenerative. 
Sebbene il contenuto in polifenoli e flavonoidi non sia stato differente in termini quantitativi tra le varietà antiche e moderne di frumento duro, i risultati hanno mostrato che il grano khorasan KAMUT® aveva un contenuto in composti bioattivi tra i più ricchi. Questa elevata fonte di biodiversità, specialmente per quanto riguarda le proprietà funzionali, costituisce un valore nutraceutico unico. 
La prima parte di un progetto di ricerca volto a valutare la capacità antiossidante del grano khorasan KAMUT® è stato pubblicato nel 2011 (leggi il comunicato stampa e l’abstract). Studiando dei marcatori del sangue, i risultati hanno mostrato che in confronto al grano moderno, una dieta a base di pane integrale preparato con grano khorasan KAMUT® aveva portato all’aumento della capacità di difesa dell’organismo dallo stress ossidativo. Questo effetto è stato attribuito al maggior contenuto di selenio e di sostanze fenoliche del pane di grano khorasan KAMUT® rispetto al pane di grano duro moderno.
 
La seconda parte della ricerca, pubblicata nel 2012, ha valutato sia i marcatori di stress ossidativo nel sangue che l’attività degli enzimi antiossidanti epatici (leggi l’abstract). L’alimentazione con pane integrale di grano khorasan KAMUT® ha determinato una maggiore attività degli enzimi antiossidanti epatici, rispetto un’alimentazione con pane di grano moderno. Questo studio ha confermato i risultati ottenuti nel precedente articolo.
 
Il terzo e ultimo articolo riguardante questo studio è stato pubblicato nel 2014 e ha studiato gli effetti di una dieta a base di pasta di grano khorasan KAMUT® rispetto una dieta a base di pasta di grano duro moderno (leggi il comunicato stampa e l’articolo integrale). Oltre a confermare la capacità antiossidante del grano khorasan KAMUT® già osservata nei precedenti articoli, questo studio ha evidenziato per la prima volta le sue elevate proprietà anti-infiammatorie. Il più alto contenuto di composti antiossidanti presenti nella pasta di grano khorasan KAMUT® sembrerebbe spiegare gli effetti visti. Al contrario, il consumo di pasta di grano moderno non solo ha offerto meno protezione contro lo stress ossidativo, ma ha determinato un aumento del grado d’infiammazione nell’organismo. Questo lavoro contribuisce ulteriormente alla comprensione del motivo per cui persone non celiache che soffrono di sensibilità al grano moderno possano invece mangiare senza difficoltà il grano khorasan KAMUT®.

Un recente lavoro pubblicato a Dicembre 2015 ha testato biscotti fatti con grano khorasan a marchio KAMUT®, con grano khorasan non a marchio KAMUT® coltivato in Italia e con grano moderno (leggi il comunicato stampa e il testo integrale). Lo scopo era di valutare se le proprietà benefiche per la salute sono legate solo alla varietà di grano considerata o anche alla sua origine geografica. La capacità antiossidante totale più elevata, il contenuto in carotenoidi e in polifenoli totali più ricco e le più elevate proprietà antiossidanti e anti-infiammatorie sono state evidenziate nei biscotti fatti con farina di grano khorasan, specialmente quando coltivato in Nord America sotto il marchio KAMUT®. Benché il tipo di farina usata (di grano moderno VS antico) sia stato il principale responsabile per gli effetti protettivi osservati, anche l’origine geografica del grano khorasan ha svolto un ruolo chiave.
Nel 2012 è stato pubblicato uno studio volto a valutare la capacità prebiotica delle fibre solubili estratte da grano khorasan KAMUT® e da varietà antiche e moderne di grano duro (leggi l’abstract). I prebiotici sono sostanze in grado di indurre la crescita e/o l’attività di quei ceppi batterici dell’intestino che sono benefici per la salute e di limitare la crescita di quei ceppi batterici che sono invece potenzialmente pericolosi.
La fibra solubile estratta da ciascuna varietà di grano è stata utilizzata come unica fonte di carbonio nei terreni di crescita di due ceppi batterici dell’intestino umano. Il grano khorasan KAMUT® ha mostrato promettenti capacità prebiotiche, ottenendo un Indice Prebiotico significativamente maggiore rispetto a quanto osservato per molte delle varietà di grano duro poste a confronto. Questo significa che una dieta a base di grano khorasan KAMUT® può migliorare lo stato di salute dell’intestino.
 
Uno studio clinico umano pubblicato nel 2014 ha valutato l’impatto della dieta sulla microflora intestinale e sul profilo metabolico in volontari sani (leggi l’abstract).
I risultati hanno mostrato che una dieta a base di grano integrale khorasan KAMUT®, rispetto a una dieta basata su grano integrale moderno, si caratterizza principalmente per un maggior rilascio nell’intestino di acidi grassi a corta catena e di composti fenolici, entrambi elementi chiave in grado di influenzare positivamente molteplici aspetti della fisiologia umana, e da un aumento di quelle specie batteriche della flora intestinale che sono benefiche per la salute umana. Questi risultati supportano precedenti dati pubblicati relativi all’attività antiossidante e anti-infiammatoria di prodotti a base di grano khorasan KAMUT® rispetto a prodotti a base di grano moderno.
Il primo studio riguardante gli effetti che una dieta a base di grano khorasan KAMUT® ha su pazienti affetti da una malattia cronica non infettiva è stato pubblicato nel 2014 (leggi il comunicato stampa e l’articolo integrale).
Lo studio clinico ha coinvolto 20 soggetti affetti da Sindrome del Colon Irritabile (IBS), un disordine gastrointestinale cronico caratterizzato da ricorrenti disturbi e dolori addominali in combinazione con altri sintomi intestinali fastidiosi, che affligge approssimativamente il 10-20% della popolazione dei Paesi industrializzati. Per la maggior parte degli individui che soffrono dei sintomi dell’IBS, i trattamenti convenzionali sono spesso inefficaci e i pazienti accusano una significativa riduzione della qualità della vita.
 
Il consumo di prodotti a base di grano khorasan KAMUT® ha determinato un miglioramento significativo dell’entità e della gravità dei sintomi dell’IBS, quali intensità e frequenza dei dolori addominali, gonfiore di stomaco, soddisfazione con le evacuazioni, stanchezza, con un conseguente miglioramento della qualità della vita. Anche il profilo infiammatorio è risultato migliorato e si è osservata una significativa riduzione dei livelli di quelle molecole circolanti nel sangue, chiamate citochine pro-infiammatorie, che sono responsabili dei livelli di infiammazione nell’organismo. In particolare, si è osservato una diminuzione delle seguenti citochine pro-infiammatorie: Interleuchina-6 (- 36,2%), Interferone gamma (- 33,6%), Proteina Chemiotattica dei Monociti 1 (MCP-1) (- 39%) e Fattore di Crescita dell’Endotelio Vascolare (-23,7%). Nessuno di questi cambiamenti sono stati osservati dopo il consumo di grano moderno. Questo studio dimostra che il grano khorasan KAMUT® offre un’alternativa salutare a quei pazienti affetti da IBS che hanno completamente eliminato grano moderno dalla loro dieta in modo tale da alleviare i loro sintomi. Questi pazienti possono ora reintrodurre prodotti a base di grano nella loro dieta.
Le malattie cardiovascolari sono un gruppo di patologie a carico del cuore e dei vasi sanguigni e sono responsabili per circa un terzo di tutte le morti considerando globalmente sia i Paesi sviluppati sia quelli in via di sviluppo.
 
Il primo studio clinico che ha riguardato l’impatto di una dieta a base di grano khorasan KAMUT® su 22 adulti sani senza precedenti manifestazioni cliniche di malattia cardiovascolare, ma che presentavano alcuni fattori di rischio per questa malattia, è stato pubblicato nel 2013 (leggi l’articolo integrale).
Una dieta a base di prodotti di grano khorasan KAMUT® ha portato a una riduzione significativa dei fattori di rischio metabolici nel sangue quali il colesterolo totale (-4%), il colesterolo LDL "cattivo" (-7.8%) e la glicemia (-4%) e un aumento altrettanto significativo di minerali come il potassio (+4.6%) e il magnesio (+2.3%). Inoltre, nei volontari che avevano mangiato prodotti di grano khorasan KAMUT®, si è registrato un miglioramento dello stato ossidativo e infiammatorio, attraverso la riduzione di marcatori d’infiammazione del sangue, chiamati citochine, quali il TNF-alfa (-34.6%), l'interleuchina 6 (-23,6%), l’interleuchina 12 (-28.1%) e il Fattore di Crescita Endoteliale Vascolare (-10.5%). Queste variazioni non sono state osservate, negli stessi volontari, dopo consumo di prodotti a base di grano moderno.
 
I risultati promettenti ottenuti nel precedente lavoro sono stati confermati anche in pazienti con manifestazioni cliniche di malattia cardiovascolare (leggi il comunicato stampa e l’articolo integrale). Una dieta a base di grano khorasan KAMUT® ha portato a un significativo miglioramento di diversi marcatori chiave del rischio cardiovascolare rispetto una dieta a base di grano moderno, quali il colesterolo totale (- 6.8%), il colesterolo LDL “cattivo” (- 8.1%), la glicemia (- 8%) e l’insulina (- 24.6%). Inoltre si è registrato un miglioramento dello stato ossidativo dell’organismo e a una significativa riduzione del TNF-(- 34.5%), la citochina che ha un ruolo strategico in questi processi di infiammazione. Pertanto, una dieta a base dell’antico grano khorasan KAMUT® può fornire una protezione aggiuntiva (prevenzione secondaria) nei pazienti che soffrono di Sindrome Coronarica Acuta e che assumono farmaci per prevenire l’insorgenza di un successivo evento cardiovascolare.
Un nostro studio pubblicato nel 2015 ha riguardato la sensibilità al glutine non celiaca (NCGS), un disturbo di recente identificazione e in continuo aumento nella popolazione generale (leggi l’articolo integrale). 
Nel corso dello studio, campioni di sangue prelevati da 48 pazienti con diagnosi di NCGS e da 30 soggetti sani sono stati messi in coltura a contatto con estratti proteici derivati da varietà moderne e antiche di grano. Sia nei pazienti NCGS sia nei soggetti sani, gli estratti proteici delle varietà moderne, rispetto quelli delle varietà antiche, hanno indotto una ben più elevata produzione di CXCL10, una citochina infiammatoria molto espressa anche in chi soffre di Sindrome del Colon Irritabile e Celiachia. In conclusione, le caratteristiche pro-infiammatorie delle proteine del grano sono molto più evidenti nelle varietà moderne di grano rispetto quelle antiche.
Il nostro più recente studio pubblicato nel 2016 ha riguardato il diabete mellito di tipo 2, una malattia cronica caratterizzata da livelli eccessivi di glucosio che sono conseguenza della resistenza all’insulina e/o della diminuita secrezione dell’insulina (leggi l’articolo integrale). Benché generalmente visti con preoccupazione dai diabetici, i carboidrati (compresi quelli derivati dai cereali) sono riconosciuti per vari benefici nella dieta e questi benefici dipendono dalla qualità della fonte di carboidrati. In questo studio sono state testate due differenti fonti di carboidrati: prodotti fatti con grano khorasan KAMUT® e prodotti fatti con grano moderno.
Nonostante la stretta terapia medica seguita dai partecipanti, si è registrato un impatto positivo dei prodotti a base di grano khorasan KAMUT® sull’insulina (-16.3%), sulla glicemia (-9,1%) e sulla resistenza all’insulina (-24,3%). Inoltre, c’è stata una significativa diminuzione nei fattori di rischio di complicazioni vascolare, quali il colesterolo totale (-3.7%), il colesterolo LDL (-3,4%), le citochine pro-infiammatorie VEGF (-33,6%) e IL-1ra (-27,2%) e un significativo aumento della capacità antiossidante totale (+6.3%). Questo studio conferma ulteriormente i risultati delle precedenti ricerche riguardanti i benefici salutari dell’antico grano khorasan KAMUT®, non presenti nel grano moderno utilizzato negli studi.
 
Stiamo per iniziare uno studio su volontari con steatosi epatica non alcoolica per investigare gli effetti della dieta sull’obesità e la demenza.
Abbiamo imparato molto sulle differenze esistenti tra grano moderno e grano antico per quanto riguarda l’impatto sulla salute umana. In futuro ci auguriamo di comprendere meglio quali meccanismi stanno alla base di queste differenze.